Polignano a mare e dintorni…

… solo qualche piccola impressione di viaggio. Lasciata da foto che si sono impresse negli occhi e nel cuore prima ancora che on line e poi su carta.

Una parte di Puglia che vale la pena di scoprire, spostandosi tra le masserie, il blu del cielo e una costa rocciosa che lascia solo il rammarico di non essersi potuti tuffare, causa tempo decisamente poco clemente…

Abbazia di San Vito

Noi abbiamo dormito alla Masseria Spina, a Monopoli, un luogo magico, set di molti film, per la sua bellezza e per la sua posizione dominante sul mare, nonchè per la forza della storia che le sue mura racchiudono e raccontano. È gestita forse con un po’ di ingenuità dalla nuova generazione della famiglia storica che la possiede, ma anche questo fa parte del suo fascino…

 

Normalmente non è proprio a buon mercato, ma avendo prenotato tre giorni prima della partenza, abbiamo scovato un prezzo scontatissimo su Booking, e ne abbiamo approfittato.

 

Ci siamo avventurati anche in Val d’Itria: in primavera i trulli sono circondati dal verde, da un verde che è quasi troppo, che ti fa dimenticare che lì vicino c’è il mare, con le sue pale pronte a riempirsi di fichi d’India negli asciutti mesi estivi.. E già che c’eravamo abbiamo fatto provviste al salumificio Santoro, vuoi mai restare senza capocollo…

 

Cisternino

E non sono mancati i bagni nelle spiagge sabbiose…un bagno:D che insomma, il tempo come si vede on è stato sempre clemente, ma vale la pena lo stesso…

 

 

 

Prima di ripartire, abbiamo anche fatto un salto a CasteldelMonte, sito UNESCO nelle Murge, circondato da sempre da un allure di mistero riguardo alla sua reale funzione: qualcuno dice che rappresenti e ancora oggi nasconda il sacro Graal… come non lasciarsi affascinare?

Commenti?