Una torta salata è la sostanza…

quiche-radicchio

Le parole sono importanti! La vuoi mettere la differenza di scena tra “faccio una quiche” e “faccio una torta salata” ?

Dico, una torta salata la fa chiunque. Anche mio marito, cuoco non proprio modello, se si impegna sa che con buona probabilità nel banco frigo troverà qualcosa da srotolare, dentro cui infilare qualche altra cosa trovata sempre senza troppa consapevolezza nel frigorifero di casa, infornare, per poter così dire di aver preparato una cena.

Tutt’altra questione se proclami con gran voce di aver fatto una quiche per cena. La chiccheria della parola già fa vagare la mente verso piatti d’oltralpe, ricchi e croccanti, da consumare ricordando la cena nel bistrot parigino e immaginando il prossimo viaggio. La lingua si ammanta in anticipo della ricca voluttà della crema che le papille sanno che dovrà nascondere altri ingredienti pieni di sapore… Poco importa se poi in realtà, la sostanza è praticamente la stessa della torta salata profana del marito. Poco importa se la sostanza poi di fatto non cambia. Un po’ come vedo succedere sempre di più anche in questo mondo “virtuale”, la sostanza non sembra quasi più essere importante, conta l’apparenza della cose, conta chi urla di più e chi ha più belletto… Forse poi è anche sempre stato così, e io me ne accorgo solo ora perché sto imparando quali sono le cose che contano sul serio …

Va beh… la certezza che vi do io, la sola e unica che possa dare:) , è che questa qui sotto, chiamatela come volete, ma è buona. L’amarognolo del radicchio è addolcito dalla pancetta,rinvigorito dall’affumicatura della scamorza e ravvivato dalla croccantezza delle noci. E non meno importante di questi tempi, in meno di 30 minuti preparate tutto, dal guscio al ripieno..al resto ci pensa il forno!:D

Via, io torno a biscottare in vista del Natale…visto cosa sto facendo ? Intanto vi lascio la ricetta e la foto scattata un attimo prima di addentare la torta!:D

presepe1

 

Torta salata con radicchio, noci , pancetta e scamorza affumicata.

Per la pasta

  • 250 g farina 00
  • 80 ml olio
  • 100 ml acqua
  • sale
  • un pizzico di cannella
  • pepe nero macinato

Per il ripieno

  • 1 cespo di radicchio rosso
  • un cucchiaio di uvetta ammollata
  • 40 g guanciale a cubetti
  • 60g di noci più qualche gheriglio per decorare
  • 100 g scamorza affumicata
  • 2 uova
  • 100 ml panna
  • sale
  • pepe
  • olio evo

 

Preparare il ripieno: in una padella scaldare pochissimo olio evo, e far dorare il guanciale tagliato a cubetti piccoli . Quando il salume sarà diventato croccante, toglierlo dalla pentola e unire il radicchio lavato e tagliato a listarelle sottili . Lasciar stufare per qualche minuto, fino a che l’insalata non sarà appassita. Unire a questo punto anche le uvette ammollate, e lasciar cuocere ancora un paio di minuti. Tritare le noci, e unirle al composto fuori dal fuoco.Quando sarà tiepido il composto, unire anche la scamorza tritata.

Preparare la pasta, mescolando semplicemente in una ciotola tutti gli ingredienti . Stenderla abbastanza sottile in uno stampo da crostata e riempirla con la verdura stufata.

Sbattere le uova con la panna, salare, pepare e coprire il ripieno della torta salata con questa crema .

Cuocere in forno caldo a 190°C ( io ho usato il ventilato ) per circa 25-30 minuti .

Servire tiepida .

Commenti?