Bisogni estivi. Di colori, sapori e tortilla*, anzi no frittata.

 

* errata corrige: frittata. mi hanno giustamente fatto notare che trattasi di umile e semplice frittata, in quanto la tortilla spagnola è decisamente più alta di questa, e proprio per questo motivo l’uovo al suo interno non risulta mai perfettamente cotto ma un po’ morbido. Mi scuso per questa, ultima delle innumerevoli imprecisioni del blog, che , d’altro canto, nonostante di continuo mi si rinfacci il contrario, non ha nessuna pretesa di insegnare, ma ha il solo scopo di mostrare.

Tortilla patate e peperoni

Ho bisogno di colori. E di semplicità.

Di colori caldi, forti, che mi investano di energia come un fascio di luce . Del rosso e del giallo,i colori dell’estate, i colori della forza. Del giallo sostanzioso delle uova e del rosso corposo dei peperoni .

Ho bisogno di colori .

Di colori leggeri, tenui, accennati, dell’azzurro rumoroso dell’acqua, che rilassa, del verde delicato delle verdure, che dà speranza, del verde scuro e profumato delle erbe aromatiche.

Ho bisogno di semplicità.

In quello che leggo. In quello che penso di cucinare.In quello che faccio. Ho bisogno di semplificare la mia palude di pensieri.

Dei gesti semplici che basta compiere per fare una frittata. Che se vogliamo fare i soliti sofisticati, la possiamo anche chiamare tortilla, ma sempre di frittata si tratta.

Un gesto secco e rapido per rompere il guscio tenace e delicato di uova appena raccolte, pochi colpi vigorosi per regalare aria al tuorlo e all’albume, che si ritrovano uniti dopo essere stati vicini eppure separati per tanto tempo..perchè di fatto ogni fine può essere un inizio nuovo e migliore…

Colorare l’energia con le verdure dell’orto e i profumi di questa stagione da dosare senza parsimonia e cuocere velocemente in padella, come richiedono il caldo e la svogliatezza del periodo.

Non servono nemmeno tutte questa parole a pensarci bene… la fate anche voi con me questa sera una bella frittata, e mi raccontate semplicemente come pensate di arricchirla?

Tutto per la tortilla

 

Tortilla di patate e peperoni con fiori di origano e origano fresco

  • 1 patata media già bollita o cotta al vapore
  • 4 uova
  • 6 peperoni piquillo ( o  in alternativa una decina di falde di peperone già arrostito e pelato, ne trovate di ottimi sott’olio…però se vi capita di trovare i piquillo provateli , perchè sono proprio un’altra cosa:D)
  • Origano fresco e fiori di origano fresco in abbondanza
  • olio evo per cuocere
  • sale

Scalda l’olio in una padella di 24 cm di diametro.

Intanto rompi le uova in una terrina, e sbattile con forza ma non troppo a lungo, insieme al sale e all’origano, che doserai in abbondanza.

Taglia le patate a fette e i peperoni a falde. Buttali nella padella rovente e falli saltare per pochi istanti. Poi unisci le uova sbattute, cercando di distribuirle bene nel tegame. Copri con un coperchio e lascia rassodare sul fondo.

Ora concentrati e impiega tutta la tua maestria per girare la frittata, e non preoccuparti, nessuno lo vedrà se ti aiuterai con il coperchio, ma il risultato sarà ottimo!:D

Lascia cuocere ancora per qualche minuto, fino a che la tortilla si staccherà da sola dalle pareti della pentola e l’uovo sarà ben rassodato, e servi calda,con della bella insalata verde a fianco e un pezzo di pane sincero.

Commenti?