Polpette di cavolfiore e un messaggio importante!:D

polpette-di-cavolfiore-

Attenzione! La rete è un posto pericoloso. E anche tra i foodblogger si aggira un losco figuro.Vi potrebbe chiedere l’amicizia,magari passa anche da voi per lasciarvi un commento.Si cela dietro l’aria elegante e cordiale, e vi affascina con smalti brillanti e collane superbellissime. Ma in realtà ogni tanto cala il velo e vi mostra la sua vera natura.

é’ lei, la polpettatrice folle😀

Lydia ha sempre detto sul suo blog di adorare le polpette, e ce ne ha presentate di tutti i tipi. Ma quando a inizio settimana ho visto queste, ho pensato che potessero essere un’altra valida alternativa per far mangiare il cavolfiore al marito restio, e le ho subito preparate per la cena di ieri sera.

Il responso: “ma l’ultima che c’è sul piatto la vuoi tu o la posso mangiare io?:D” …ottimo no?

Sta a vedere che questa polpettatrice napoletana non è affatto pericolosa:D E quindi vi copio la ricetta che ho seguito pari pari ( anzi no, non ho messo l’alice e nemmeno le olive:Dche non  ne avevo!ed erano buone lo stesso, probabilmente piu’ dolcine), che devo tenere nel diario sotto al dicitura:da rifare:D

Polpette di cavolfiore di Lydia .

  • 500 g  di cavolfiore
  • 1 cipolla piccola
  • olio extra vergine d’oliva
  • (2 acciughe sott’olio) io non le ho messe
  • una decina di olive nere
  • 1 manciata di uvetta
  • 1 manciata di pinoli
  • 3 cucchiai circa di pangrattato
  • 1 tuorlo
  • pangrattato per la panatura
  • olio per friggere (io ho usato l’extra vergine d’oliva)

Cuocere il cavolofiore in pentola a pressione (io ho usato la Acticook che mi ha fornito Lagostina..) a vapore per circa due minuti ( velo ricordate vero, il contest?:D)

In un tegame far cuocere la cipolla tagliata a pezzetti con un filo di olio e un goccio di acqua,fino a che sarà morbida morbida e l’acqua si sarà asciugata. A questo punto io ho buttato i pinoli, in modo da farli tostare un po’, ho unito ‘l’uvetta ammollata e strizzata e il cavolfiore. Schiacciate le cimette di cavolfiore con un cucchiaio fino a ridurle in poltiglia . Lasciar raffreddare.

Aggiungere il pangrattato, il tuorlo e impastare fino ad ottenere un composto abbastanza sodo.

Dare la forma di una polpatta, passare le polpettine nel pangrattato e friggerle in olio ben caldo.
Servirle tiepide

Commenti?