Torta di pasta di mandorle con frutti di bosco (reloaded:DDD)

Torta di mandorle
pre-fazione: ho fatto un disastro lunedì!:D e ho pubblicato due post lo stesso giorno…va beh..voi mi perdonerete vero?:D ve la rimostro oggi:DDD
Portate pazienza, saranno gli anni, il vino o la miopia… o i nuovi progetti che ci sono in cantiere:D…

Una torta meravigliosa. Presa da un libro meraviglioso di Leila Lindholm, consigliato qualche tempo fa da Elga, e che mi sentirete decantare ancora tante tante volte… non sarà nel catalogo di blasonate case editrici, ma vale molto più di altri libri che ho compulsivamente acquistato…
Nella noia di questi giorni estivi  di forzato riposo, già qualche tempo fa tra quelle pagine ho cercato qualcosa che mi permettesse di utilizzare il mio panetto di pasta di mandorle che giaceva in dispensa da troppo tempo.. Ebbene..ne è uscita una torta dal profumo e dalla consistenza strepitose, che ho coperto con i frutti che il bosco regala in questa stagione e con un crema morbidissima, che io ho stabilizzato con una punta di agar , in moda da rendere il tutto più trasportabile…un trionfo voluttuosissimo e goloso, da peccare solo a guardarla:D
Se la son mangiata i colleghi di Luca l’ultimo giorno di lavoro prima delle vacanze, e mi èstato riferito  che non hanno avuto da ridire minimamente:D…quindi anche il gusto doveva essere degno dell’aspetto…
allora, la volete la ricetta ora che il forno si puo’ riaccendere senza che nessuno si lamenti??:D

Torta di mandorle con crema alla vaniglia e frutti di bosco

(ricetta base di L.Lindholm)


per la torta:

  • 4 uova
  • 400 g pasta di mandorle in panetto
  • 50 g farina
  • 200 g burro
  • burro e lamelle di mandorle per lo stampo

per la crema

  • 2 tuorli e un uovo intero
  • 250 ml latte
  • un cucchiaino di estratto di vaniglia
  • 70 g zucchero
  • 35 g amido
  • 1 gr agar
  • 200 ml panna montata

Per la finitura

  • lamelle di mandorle
  • frutti di bosco freschi

Con le fruste o meglio nell’impastatrice mescolare il burro morbido con la pasta di mandorle fino ad ottenere una crema . Sbattere le uova leggermente e unirle a poco a poco al composto. Per ultima, unire la farina setacciata.
Imburrare una teglia a cerniera* e cospargerla di lamelle di mandorle. infornare a 170 °C per circa 30 minuti.
Intanto preparare la crema pasticcera : sbattere le uova con lo zucchero e l’amido di mais. Scaldare in un pentolino il latte e versarlo a poco a poco sul composto di uova. Unire anche l’agar e rimettere sul fuoco.
Fare addensare fino a che la crema apparirà compatta, senza però fare i grumi ( ammetto, la mia li ha fatti perchè mi son distratta..ma santo minipimer ha aggiustato tutto!)
Lasciare raffreddare, poi montare la panna lucida ( cioè non al massimo della sua compattezza, ma al massimo del suo volume) e incorporarla alla crema.
Versare la crema sulla torta, lasciare raffreddare e coprire di frutti di bosco e mandorle a lamelle prima di servire

* teglia: io la volevo quadrata.quindi ho usato uno stampo da crostata. si stacca. questo lo do per certo.però l’impasto un po’ infingardo scappa un po’ sotto alla tortiera.Quindi, consiglio. O usate un bello stampo a cerniera, o sotto alla tortiera mettete una teglia per non dover poi pulire tutto il forno!:D

Commenti?