Una pasta che sa di mare e una domanda fotografica

Maccheroni con filetti di triglie
L’avevo scritto su Fb un po’ di tempo fa…ho fatto una pasta che sa di mare…

e questa proprio ha dentro il sapore dell’estate, anche in un uggioso inverno…Lo stesso sapore che c’era qui in fondo, ma che si è spogliato della polpa secca del pomodoro per riempirsi del morbido gusto delle trigliette appena defilettate…
Niente di nuovo insomma….ma proprio da condividere..esattamente come starebbe bene condivisa questa pasta con un gruppo di amici…Io ci inviterei molti di voi…attorno a un bel tavolo a chiacchierare…
I maccheroncini ( al’uovo, potevo fare senza…magari la prossima volta) li ho preparati grazie al mio accessorio kenwood…me lo scordo sempre…ma prima di darvi la ricetta di questa gustosa banalità, volevo parlare della foto.
Con Alex si diceva giusto l’altro giorno di come sia complicato bilanciare il bianco.Io qui non ci sono riuscita…vedo un dominante rossa che non riesco ad eliminare….qualcuno mi aiuta?E non mi dite di modificare la saturazione…a meno che non mi diciate come:D!
Per i maccheroncini
2 uova
200 gr di semola
Impastare e passare al torchio Kenwood:D in alternativa farne delle tagliatelle o dei maltagliati:D
Per il sugo
Far scaldare in padella un filo di olio e uno spicchio di aglio.Unire delle polpa di pomodori, olive taggiasche e capperi.Cuocere per una decina di minuti, unire circa 300 gr di filetti di triglia puliti  e cuocere ancora per pochissimi minuti . Condire, impiattare e servire.Banalissimi, ve l’avevo detto.:D
maccheroncini all'uovo

(Perdonate ogni errore o altro…guardate che ora e’?:D)

Commenti?