La mia Golosaria 2009


Metti una domenica uggiosa.Metti di aver ricevuto un invito per una fiera di prelibatezze.Metti di essere una coppia golosa e curiosa…come potevamo non andare a Golosaria?

Allora domenica mattina con calma partiamo per Milano, dopo il forfait giustificato della cara Lydia, e arriviamo in zona.Chiediamo indicazioni a un tassista che ci rassicura dicendoci che possiamo imboccare la strada anche se è un senso unico perchè siamo a piedi ( ma và???:D) e sotto una fastidiosa pioggerella arriviamo all’ Hotel Melià.
Appena entrati capiamo che ci perderemo:D…un via vai di persone che circolano con borse gonfie di cibi particolari gironzolano nella hall …e noi partiamo che non vogliamo essere da meno!:D E io parto anche piena di buone intenzioni fotografiche eh…ma poi mi scordo:D quindi vi racconto senza immagini ma vi mando ai siti di chi mi è piaciuto di più:D!
Senza saperlo però la prima sala che visitiamo è proprio quella vicino a casa nostra!
E così riusciamo ad assaggiare per la prima volta lo spumante metodo classico Terrazze di Montevecchia, vino alla cui nascita noi abbiamo assistito, 5 anni fa, durante il nostro primo corso di degustazione … e sempre lì intorno ritrovo marchi conosciuti, di aziende che stanno proprio dietro l’angolo rispetto a casa mia…e mi fa piacere vedere che la qualità si fa anche qui in provincia, e che comincia ad essere molto apprezzata….Mi stupisco invece vedendo un macellaio e assaggiando i suoi prodotti ( tra cui il lardo massaggaito a caldo e la “borroeula” la pasta di salame ..) e scoprendo che il signor Carlo Casati, vero e proprio artigiano del gusto , ha il suo negozio proprio dietro casa mia, non vicino , anche di più!Direi che con buona probabilità “Da Pinuccio” A Sartirana di Merate diventerà il mio macellaio!:DE facendo un giretto in rete ho scoperto che non la penso solo io cos’ì!:D
Di prodotti da raccontare poi per la strada ne troviamo una marea…dal Panettone e Crema alla Birra alle pastiglie di sale predosate , ai tanti stand che offrivano marmellate e cremine….ammetto che quella che ho più apprezzato ( e anche il marito approva!) sono state quelle de Il Mongetto, azienda del Monferrato che profumava tutto l’ambiente di BagnaCauda:DDD
Prima di arrivare allo stand delle Fattorie Fiandino ( di cui vi ho parlato qui e di cui sentirete ancora parlare:D) , che devo ringraziare per l’invito e per avermi accolto nel loro magico mondo di latte (Lelio la foto arriva eh!:D) ..e per avermi fatto assaggiare le Fromage Baladin, affinato nella birra , una delizia totale…, ho incontrato uno stand piccino, con una ragazza gentilissima, dal simpatico accento di trevi, che mi illustra le caratteristiche del Sedano Nero…io non lo conoscevo…ma presto vi dirò come sono questi umbricelli vardi che mi son portata a casa!:D
Terminato il giro nel salato, tra profumi di salami, formaggi e tartufi, eccoci al dolce!

Qui dovrei parlare per ore, perchè golosi come siamo non ci siam fatti scappare nulla.
Ma dico.Vogliamo parlare della torta Pistocchi?Volete che vi dica cosa fanno a una cioccolatomane 5 cacao uniti in una torta sono con un goccio di crema di latte…io sorvolerei sulle descrizioni ma comincerei a cercarla se fossi in voi!
Sempre per restare a tema cioccolato…avete mai assaggiato un cioccolatino fondente ripieno di Formaggio di Fossa e Albana Passita? Io l’ho mangiato un po’ scettica, me l’ha proposto L’artigiano di Gardini , un cioccolataio di Forlì..e sono rimasta estasiata!Nel vero senso della parola…il sapido del formaggio incontra l’amaro del cioccolato ma tutti i sapori sono orchestrati dalla nota alcolica dell’albana.. E poi anche vedere sul suo bancone il mio abbinamento preferito, cioccolato e sale…
Salendo un po’ , di qualche kilometro per la penisola, mi sono fatta raccontare della Tortionata da una gentilissima signora dell’Offelleria Tacchinardi, che mi ha narrato la nascita di questo burrosissimo e fantastico dolce, fatto con prodotti del territorio Lodigiano , e dal nome romantico, un regalo fatto da un nonno a un nipote..beh direi un regalo ben riuscito!
Gli ultimi dolci di cui vi voglio parlare invece sono quelli che mi han riportato a un ricordo…tra l’altro proprio in questi giorni ci si deve aggrappare a ricordi positivi di quel periodo..e assaggiare quel torroncino all’arancio ricoperto di cioccolato bianco mi ha proprio restituito il sapore meridionale del Natale, quello fatto di canditi , di torroni e croccanti….
E anche la novità che propone il laboratorio Le Chicche di Taurianova, il croccante alla cannella, non è certamente da meno…Ora dovrò provare le Sussumelle!:D

Prima di uscire abbiamo terminato il nostro shopping al tavolo Baladin.Sentire Valerio raccontare le loro birre è quasi magico…io per ora non aggiungo altro , mi riservo di raccontarvele quando le proveremo…e poi di farvi un bel resoconto quando andremo a Casa Baladin.. perché no, direttamente al Riad in Marocco!:D

Commenti?