Troccoli al ragu’ di seppia

Mah! Sarà che come ho già detto quest’anno, salvo sorprese e partenze improvvise, niente vacanze….ma almeno sulla tavola mi è venuta voglia di portare il mare e il sapore delle coste… Sarà poi che sono circondata da pugliesi , più o meno simpatici ( il mio vicino che talgia l’erba per ore il sabato pomeriggio ,urla sempre,e fa partire l’irrigatore alle 4 del mattino è tra quelli meno simpatici , gli altri invece nell’altra categoria:D), che mi ricordano ilsapore di questa regione, sarà che le mie freselle con la pasta madre per ora , al primo tentativo , sono state abortite, sarà che avevo il “troccolatore” in dispensa da un po’ , utilizzato poco….. insomma…

Ho fatto questa pasta….semplice.Di una semplicità davvero disarmante.E per questo buona, se gli ingredienti di base sono buoni.

Anche se non aveste tutti questi sarà che vi spingono, provatela!:DD

Per i troccoli:
300 grami di farina di grano duro
Acqua quanto basta per avere un imapsto abbastanza sostenuto , ma facile da maneggiare.
Per formare questa pasta serve l’aggeggio apposito…un mattarello (il troccolo appunto) con lame che tagliano la pasta al passaggio…Io invece ho una specie di chiatarrina , che da un lato permette di fare gli spaghetti alla chitarra appunto , e dall’altro i troccoli…
Per il ragu’
(ne viene una dose per quattro-cinque persone)
600 grammi di seppioline piccole pulite
700 grammi di pomodorini sbucciati (basta pungerli con un coltello , passarli un minuto in acqua bollente e poi schiacciarli e “sguisceranno”fuori dalla loro buccia)
sale
peperoncino
olio evo
aglio
prezzemolo per guarnire se vi piace
Prendere una pentola di coccio , non si discute.Questo sugo ha bisogno di nua cottura lenta, deve maturare nella pentola!:D
Semplicissimamente mettere olio e aglio , e lascire indorare l’aglio.Poi unire le seppioline tagliate a striscioline e i pomodorini , allungare con un pochino di acqua , salare e peperoncinare:D , e cuocere tutto scoperto , per 45 minuti , fino ada vere un sugo denso e corposo.
Bollire i troccoli in acqua salata per pochi minuti , scolare, servire e a piacere profumare con prezzemolo tritato..

Che dite?Li provo a offrire al vicino e chiedo in cambio di spostare l’orario dell’irrigatore?:D

Commenti?