Carciofiamo?

Io sono incorreggibile.E ai carciofi non riesco a rinunciare.Quando non è stagione mangio quelli surgelati e quando ci sono li sfrutto fino all’osso…difficilemente tutto del tutto i gambi , preferisco frullarli con le foglie più dure e farci un bel pesto per esempio…
Questi direi che erano gli ultimi carciofi che ho acquistato per quest’anno..otto mammole fresche fresche che si sono poi trasformate in un paio di piattini per salutare il freddo e aprire la porta definitivamente alla primavera..si spera!:D:D

Comincio con il postare questi ripieni.Di solito li riempio di pane e erbe e li faccio gratinare in forno..o meglio ancora li friggo…:D … alla ricerca però di un po’ di leggerezza questa volta ho pensato di usare la pentola a pressione…mio odio e amore..nel senso che ho tanto da imparare sul suo utilizzo ma resto sempre di stucco a vedere quanto può semplificare la vita in cucina…
Carciofi ripieni di tonno
Pulire 4 carciofi romaneschi , tagliando il gambo alla base, in modo che possano stare in piedi , togliendo solo le foglie più dure esterne e scavando il cuore per togliere il fieno all’interno.(Le foglie esterne, anche quelle più durine, vanno lasciare per la cottura, perchè proteggono il cuore.Poi si possono togliere al momento di servire se per voi sono troppo fibrose)
Lavarli per bene e scottarli per 5 minuti (non di più, forse anche uno in meno:)) in acqua bollente, poi rimetterli sotto l’acqua fredda per non fargli perdere colore.
Intanto frullare una scatoletta di tonno al naturale con un goccio di olio , uno spicchio di aglio , un mazzetto di prezzemolo e un cucchaio abbondante di capperi, sale e poco pepe.
Con la mousse ottenuta riempire il cuore dei carciofi e richiuderli .
Porre un filo di olio sul fondo della pentola a pressione, e farvi rosore uno spicchio di aglio e i gambi di un mazzetto di prezzemolo.Appoggiarvi i carciogi , coprirli con mezzo bicchiere di vino e mezzo di acqua (devono restare “imemris” fino a poco meno di metà”) e chiudere la pentola.Lasciarli cuocere per 15 minuti nella pentola.Aprire e se dovesse esserci ancora troppo liquido sul fondo , lasciar restringere un po’.Poi aggiustare di pepe e sale e servire caldi o tiepidi.

E con questa, senza troppa speranza che chissà cosa tirerete fuori voi esperte:DD, partecipo al contest di Elga

Commenti?