Falafel

Devo ammetterlo..non sono mai stata in un paese arabo , quindi in realtà non so bene quale debba essere il sapore “vero” di queste polpettine.
Di fatto finora le ho assaggiate solo in uno dei tanti kebabbari che sono nati nelle nostre città…mi son piaciute e ho voluto provare a riprodurle.
Risultato: bocconcini estremamente croccanti fuori e morbidi morbidi dentro , molto speziati , perfetti se serviti con il laban ( tipico formaggio morbido arabo, più simile a una crema che atlro) , o in alternativa con yogurt greco condito con un po’ di sale e pepe e prezzemolo ( se piace..a me non piace:D) , e magari , se avete tempo, anche con pane arabo fatto in casa, spicchi di pomodori e insalata..propri come un kebab!
Il segreto sta nel non usare i ceci in scatola, che si disferebbero in cottura, ma nell’usare ceci secchi lasciati molto in ammollo, in modo da diventare morbidi morbidi…
Vi lascio la ricetta….e le foto speriamentali ( sto seguendo i consigli di adrenalina e gioco con aperture di diaframmi, tempi e bilanciamenti…ma se aggiungete che oltre a questo ci sono la fame e anche un marito un cane e un gatto impazienti di avere la loro cena … capirete che ci vorrà del tempo per arrivare a un buon risultato!:))

Falafel
250 g di ceci secchi da lasciare in ammollo per 36, meglio 48 ore
coriandolo una bella macinata
cumino ( fondamentale) du cucchiai da the pieni
prezzemolo due cucchiaioni
2 spicchi di aglio
sale
pepe
4 cucchiai di farina
1 uovo *
Scolare i ceci secchi e passarli al frullatore con molta pazienza, fino ad ottenere una crema .a questa aggiungere le spezie , il sale , il pepe e l’aglio pestati in un mortaio , i cucchiai di farina e il prezzemolo.
Se i ceci saranno stati in ammollo a sufficienza, il composto si presenterà ben legato e non ci saranno problemi a formare le polpettine. Se invece vi sembra un po’ slegato , unite anche l’uovo sbattuto.
Con lemani bagnate formare delle polpettine e farle cuocere in olio alto bollente .Servire accompagnati dalla salsa.

Commenti?